Introduzione alla gestione dei PFU

Perchè recuperarare i PFU?

Uno pneumatico usurato, una volta sostituito, può mantenere caratteristiche geometriche e meccaniche tali da renderne possibile la cosiddetta "ricostruzione" ed il successivo riutilizzo. Quando ciò non sia possibile, o non sia economicamente conveniente, diventa un PFU, cioè Pneumatico Fuori Uso, e come tale deve essere smaltito.

I PFU contengono sostanze scarsamente biodegradabili, come gomma vulcanizzata, acciaio e fibre sintetiche, e pertanto, se non riutilizzati o correttamente smaltiti, sono una sicura causa di inquinamento ambientale.

Secondo una stima, probabilmente per difetto, si pensa che ogni anno circa 100.000 tonnellate di PFU, il 25% del totale immesso nel mercato, siano disperse in discariche abusive. É perciò chiaro che creare un quadro normativo in cui far crescere un efficiente sistema di recupero sia un grande vantaggio per il Paese.

Il DM 11 aprile 2011 n.82 fa obbligo a chi immette per la prima volta pneumatici nuovi nel mercato nazionale, cioè i produttori e gli importatori, di utilizzare l'importo pagato dall'utente finale quando acquista pneumatici nuovi, il cosiddetto "contributo ambientale", per gestire la raccolta e la gestione di quantità di PFU almeno equivalenti alle quantità immesse nell'anno precedente.

Per minimizzare l'importo del contributo ambientale, con l'ottimizzazione delle operazioni di raccolta e recupero e la riduzione delle spese generali di gestione della filiera, il decreto consente a produttori e importatori di costituire società consortili a cui trasferire i contributi incassati, e contestualmente trasferire anche tutti gli obblighi di legge relativi alla gestione. 
 
Le società consortili non hanno fine di lucro e devono rendicontare periodicamente al Ministero dell'Ambiente sull'utilizzo dei fondi ad esse trasferiti. Il Ministero si riserva di approvare l'importo del contributo richiesto. É evidente che, quanto più efficiente ed oculata sarà la gestione del recupero, tanto minore sarà il contributo pagato dall'acquirente finale.
 
 
 

Ges.Tyre al servizio del consumatore e dell'ambiente